ISCRIVITI

Maria Grazia Floris
18/05/2011

LA SANITA’ IMPRIGIONATA

I primi giorni dietro le sbarre sono i più delicati, soprattutto da un punto di vista psicologico,per la salute del detenuto. La gestione dei nuovi arrivati dovrebbe essere affidata a uno staff composto da: psicologo, medico, infermiere, psichiatra, rappresentante dell’area educativa e della polizia penitenziaria, operatori del Ser.T, assistenti sociali e mediatori culturali e/o sociosanitari. Il primo livello del servizio di accoglienza è rappresentato dalla “visitadi primo ingresso”.I’Ufficio Matricola si accerta di eventuali precedenti detenzioni, recupera la cartella personale del detenuto e contatta i servizi sanitari territoriali che eventualmente lo hanno avuto in carico prima della detenzione. E’obbligatorio solo l’Rw, il test che controlla se il paziente ha la sifilide. Serve il consenso del pazinte invece  perl’Hbv (epatite virale B), Hcv (epatite C) e per l’Hiv.

di Valeria Pini

17/0172009

Maria Grazia Floris
Author: Maria Grazia Floris

Medico chirurgo

Diventa socio per accedere a eventi e contenuti riservati