ISCRIVITI

AloiMichele
17/11/2021

Condividi su:

Creazione e validazione di una scala di valutazione del distress morale nell’infermiere penitenziario

Il distress morale influenza il benessere lavorativo dell’infermiere e si associa spesso a burnout e abbandono del posto di lavoro. Il fenomeno è stato studiato in numerosi contesti, fatta eccezione per quello penitenziario. Lo studio ha l’obiettivo di creare e validare uno strumento per misurare il distress morale negli infermieri penitenziari italiani.
Materiali e metodi Partendo da una scala già validata in altri contesti ne è stata creata una adatta a quello penitenziario (Moral Distress Scale for Correctional nurses, MDS-CN). Dello strumento è stata valutata la validità di contenuto e di facciata; la scala è stata somministrata a 60 infermieri all’interno delle strutture penitenziarie di Bollate, Opera e San Vittore di Milano ed è stata calcolata la sua consistenza interna e la stabilità test-retest.
Risultati La MDS-CN ha presentato un indice di validità di contenuto pari a 0,99; il coefficiente di correlazione di Spearman è risultato pari a 0,99 (p<0,001), l’alfa di Cronbach pari a 0,91. Gli infermieri partecipanti allo studio hanno presentato un valore mediano di distress morale pari a 40,5 su 100. L’esperienza lavorativa carceraria si associa significativamente al fenomeno (OR=4,57, IC95%: 1,45-14,39, p=0,009).
Conclusioni Lo strumento si è dimostrato valido e affidabile nello studio del distress morale negli infermieri penitenziari. I risultati evidenziano la rilevanza del problema e la necessità di ulteriori approfondimenti su campioni più ampi.


Parole chiave: distress morale, infermiere penitenziario, struttura penitenziaria

AloiMichele
Author: AloiMichele

Diventa socio per accedere a eventi e contenuti riservati